Green Building

Green Building, lo sviluppo di edifici progettati, costruiti e gestiti in maniera sostenibile ed efficiente, grazie alla riduzione dell'utilizzo di risorse naturali, idriche ed energetiche.

Green Journey

Valorizziamo le risorse minerali della scoria, seguendo un codice di autoregolamentazione, che ci permette di ottenere Matrix®, prodotto per l'industria delle costruzioni.

Green Research

Siamo dotati di un laboratorio per poter sviluppare una ricerca scientifica finalizzata ad un ampliamento della gamma di applicazioni sostenibili da parte dei nostri prodotti.

F.A.Q. MATRIX FAMILY

1) Cosa è il Matrix®?
Un aggregato artificiale, tipo sabbia o ghiaietto, impiegato come MPS in vari settori dell'edilizia sostenibile.

La Matrix® Family è rappresentata da una gamma di prodotti ottenuti attraverso un processo industriale di trattamento delle scorie (codice CER 190112), generate dalla termovalorizzazione dei RSU. I tre prodotti della Matrix® Family sono:
Matrix® Standard (0-12 mm), che trova applicazione come efficace sostitutivo di materia prima argillosa nella produzione di cemento;
AG Matrix® (2-10 mm) per l'impiego nel calcestruzzo;
Sand Matrix®: una famiglia di 3 sabbie (0-2 mm, 0-4 mm e 2-4 mm) che trova applicazione nella fabbricazione di elementi per muratura in laterizio, di malte predosate, di manufatti in cemento, di misto cementato e per la produzione di conglomerati bituminosi.

2) Dove viene prodotta la Matrix® Family?
Nello stabilimento di Lomello (PV).

L’attività di Officina dell’Ambiente, nello specifico ambito del recupero delle scorie da incenerimento, prosegue da 10 anni nel moderno e avanzato stabilimento di Lomello (PV), dotato di due impianti fotovoltaici in grado di far fronte alle esigenze energetiche dello stabilimento e di uno di depurazione delle acque.

3) Che cos’è RSU?
L’acronimo per Rifiuti Solidi Urbani.

Sono i Rifiuti Solidi Urbani derivanti dagli insediamenti e dalle aree pubbliche: si tratta quindi dei rifiuti prodotti dalle ordinarie attività quotidiane e possono essere costituiti da materiali di imballaggio, ritagli di tessuti, gomma, scarti dell'industria alimentare, scarti di legno, scarti di materiali di arredamento. Tali rifiuti, dopo la raccolta, sono destinati alla termovalorizzazione presso impianti di incenerimento.

4) Che cos’è la scoria e dove viene prodotta?
Il residuo solido prodotto dai termovalorizzatori

Il caposaldo del codice di autoregolamentazione della produzione di Officina dell’Ambiente è rappresentato dalla produzione della Matrix®Family attraverso il processo di raffinazione di una singola ed esclusiva tipologia di rifiuto: le scorie decadenti dall’attività dei termovalorizzatori per Rifiuti Solidi Urbani (CER 190112).
Avendo come obiettivo il settore dell’edilizia, la scelta di Officina dell’Ambiente è caduta naturalmente sulla scoria da RSU in quanto, oltre ad essere un rifiuto ampiamente disponibile sul mercato, è soprattutto una materia a matrice minerale molto stabile, con caratteristiche ripetibili nel tempo e caratterizzata da un’elevata ricchezza di componenti chimici.

5) Quando e come la scoria passa da rifiuto a MPS?
Attraverso un trattamento fisico autorizzato che induce un processo di lito-stabilizzazione

L'attività produttiva di Officina dell'Ambiente è svolta in forza dell'Autorizzazione Integrata Ambientale n. 12566 del 25/10/2007, rilasciata dalla Regione Lombardia, che autorizza la lavorazione di 250.000 ton/anno di rifiuti speciali non pericolosi.
Durante tutte le fasi di recupero (messa in riserva, processo di trattamento fisico-meccanico, stoccaggio finale), avviene la lito-stabilizzazione progressiva della scoria: si tratta di un processo chimico vero e proprio, completamente naturale e che non comporta il ricorso o utilizzo di additivi chimici, il cui risultato è in pratica una "STABILIZZAZIONE CHIMICO-FISICA CONTROLLATA" della scoria, volto alla produzione di una Materia Prima Seconda.
Il concetto di Materia Prima Seconda, inquadrato dall'art. 181 bis del D.lgs. 152/06 e s.m.i., viene ripreso ed ampliato dall'art. 184ter del D.lgs. 205/2010, dove si introduce esplicitamente il concetto di “cessazione dello status di rifiuto”: EOW (End of Waste).

6) In quali settori produttivi la gamma di prodotti della Matrix® Family viene impiegata?
Come sostitutivi delle materie prime di estrazione naturale in svariati cicli industriali e nell’ambito della moderna industria dell’edilizia.

Di seguito sono riportate le principali applicazioni di utilizzo della Matrix® Family:

Dal 2008, il sistema di controllo della produzione è certificato da ICMQ (ente riconosciuto nell’ambito della Certificazione dell’Edilizia) in conformità alla direttiva 89/106/CEE.
I prodotti della Matrix® Family hanno ottenuto la marcatura CE.

7) Servono particolari autorizzazioni per poter utilizzare la gamma di prodotti della Matrix® Family?
NO

La Matrix® Family è costituita da una gamma di prodotti classificati come Materia Prima Seconda, autorizzati per l’impiego negli specifici settori di utilizzo previsti nell’Autorizzazione Integrata Ambientale n. 12566 del 25/10/2007, rilasciata dalla Regione Lombardia ad Officina dell’Ambiente, quali i seguenti:

8) Servono particolari autorizzazioni o documenti speciali per poter trasportare la gamma di prodotti della Matrix® Family?
NO

La Matrix® Family è costituita da una gamma di prodotti classificati come Materia Prima Seconda e, pertanto, possono essere trasportati con l’ordinaria documentazione di trasporto prevista per le merci (Ddt).

9) Che vantaggi ci sono ad utilizzare la Matrix® Family?
Numerosi vantaggi di sostenibilità.

I prodotti della Matrix® Family, in qualità di MATERIA PRIMA SECONDA, apportano molteplici vantaggi di sostenibilità:

  • risparmio economico per l’approvvigionamento, in sostituzione delle materie prime naturali;
  • riduzione delle emissioni di CO2 per i produttori che utilizzano la Matrix® Family;
  • qualificazione del prodotto finale in termini di contenuto di riciclato;
  • qualificazione del prodotto finale per le applicazioni del GreenBuilding (LEED, BREEAM);
  • qualificazione del prodotto finale per le applicazioni della Green Economy (GPP).

10) Qual'e' la qualificazione ambientale della Matrix® Family?
I prodotti della Matrix® Family hanno ottenuto tutte le certificazioni ambientali di prodotto sia obbligatorie sia volontarie.

La gamma della Matrix® Family si configura come prodotti ai sensi del recente D. Lgs. 205/2010, e sono tutti registrati REACH ai sensi del Regolamento Europeo 1907/2006.
Tutti i prodotti della Matrix® Family hanno completato l’iter previsto dalla norma UNI EN ISO 14021 con il rilascio dell’Asserzione Ambientale Autodichiarata, convalidata da ICMQ, dove si attesta il contenuto riciclato post-consumo nei singoli prodotti.
Il Matrix ha ottenuto nel marzo 2013 da Bureau Veritas la convalida della Dichiarazione Ambientale di Prodotto EPD (Environmental Product Declaration) a seguito delle valutazioni dell’impatto che i prodotti della Matrix® Family (Sand Matrix® e AGMatrix®) determinano sull’ambiente, sulla base dell’Analisi del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment LCA) completato nel Dicembre 2012 da Ambente Italia.

11) Che cos'e' una performance ambientale?
E' il risultato della gestione degli aspetti ambientali di un'organizzazione e la loro rendicontazione.

Officina dell’Ambiente ha deciso di intraprendere un oneroso percorso di qualificazione dei propri prodotti dal punto di vista ambientale, adeguandosi ai principali standard normativi volontari; questo caratterizza i prodotti Matrix le cui prestazioni ambientali sono trasversali per tutta la linea Matrix®Family.
La performance ambientale dei prodotti della Matrix®Family rappresenta il risultato raggiunto nell’ambito dell’ottenimento delle certificazioni di prodotto come l’EPD® ma si stabilisce anche considerando tutto il percorso di certificazione compiuto da Officina dell’Ambiente per raggiungerla. La valutazione del ciclo di vita attraverso la metodologia LCA, è un’iniziativa volontaria di Officina dell’Ambiente che ha permesso di qualificare l’effettiva performance della gamma di prodotti Matrix® valutandone gli aspetti ambientali ovvero le interazioni con l’ambiente. L’EPD è infatti un documento che contiene affermazioni di carattere informativo sulle performance ambientali di prodotti e servizi e Officina dell’Ambiente, è la prima azienda a livello europeo che ottiene la certificazione di prodotto EPD® nel settore degli aggregati.

Gli aspetti positivi legati a questa qualificazione sono:

  • il consolidamento del  proprio impegno verso la sostenibilità
  • la garanzia, per i consumatori e i partner commerciali, di fare scelte d'acquisto consapevoli e validate scientificamente
  • la possibilità di rientrare nelle catene di fornitura per il Green Procurement e nei grandi gruppi di acquisto (PA, GDO...)
  • l’implementazione di un sistema di miglioramento continuo della qualità ambientale dei prodotti usando i risultati dell’EPD come punto di partenza per il percorso di miglioramento complessivo.

12) Qual'è la sua performance d'uso?
Varia a seconda del campo di applicazione.

I prodotti della Matrix® Family sono estremamente versatili ed utilizzabili in un’ampia gamma di settori dell’edilizia. Per ogni specifico settore, nel corso degli anni, sono stati messi in luce i punti di forza, i dosaggi massimi, i correttivi da mettere in atto per ottimizzare le ricette ed i benefici di natura tecnica, economica ed ambientale.
Si tratta di percorsi di ricerca applicata che possono durare anni e passano necessariamente attraverso il superamento dei rigidi standard imposti dalle norme armonizzate (marcatura CE) che regolamentano l’industria edilizia.
Ecco perché oggi, la Matrix® Family è una gamma di 6 prodotti in possesso complessivamente di 10 marchi CE secondo le norme UNI EN 12620, 13043, 13242, 13139.