+39 0362 364379 info@matrixoda.it

certificazioni

certificazioni

Dal 2008, il Sistema di Controllo della Produzione ODA è certificato da ICMQ, un riconosciuto ente di Certificazione dell’Edilizia, in conformità alla Direttiva 89/106/CEE e al Regolamento 305/2011.
ODA immette sul mercato aggregati con marcatura CE conforme alle molteplici norme tecniche di settore nell’edilizia. Attualmente, i prodotti della Matrix Family che possiedono la marcatura CE secondo le seguenti norme tecniche armonizzate ― UNI EN 12620, UNI EN 13139, UNI EN 13043, UNI EN 13242 ― sono ben 5.

Le certificazioni EPD®

Nel marzo 2013, ODA ha ottenuto dal Bureau Veritas la convalida della Dichiarazione Ambientale di Prodotto EPD® (Environmental Product Declaration) per i prodotti Sand Matrix e AGMatrix.
Si tratta del primo ed unico caso in Europa di EPD® applicata agli aggregati artificiali per l’edilizia: così, ODA si pone come punto di riferimento per il Green Building. Uno studio approfondito del Ciclo di Vita e la rigorosa valutazione attraverso la metodologia LCA, (Life Cycle Assesment) hanno permesso di qualificare la performance della gamma di prodotti della Matrix Family valutandone in sicurezza gli aspetti ambientali ovvero le interazioni con l’ambiente.

La certificazione REMADE in Italy®

Nel 2015 Matrix è diventato il primo aggregato riciclato da IBA in Italia ad ottenere la Certificazione Ambientale REMADE IN ITALY® per i prodotti Matrix Standard, Sand Matrix e AG Matrix.
La Certificazione REMADE IN ITALY® è il mezzo di prova per la verifica del contenuto di riciclato per le opere e per le singole componenti nei Criteri Ambientali Minimi per gli appalti pubblici pubblicati dal Ministero dell’Ambiente.

Il Matrix e il Reach

Il Regolamento “Reach”della Comunità Europea 2006/1907/CE è la norma comunitaria che stabilisce i criteri per la Registrazione, la Valutazione e l’Autorizzazione delle Sostanze Chimiche.
L’autorità preposta al controllo degli adempimenti in materia di REACH e all’autorizzazione alla vendita è l’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche (ECHA) ― con sede a Helsinki― ha emesso il documento “Guidance on waste and recovered substances” (Rev. 2, May 2010): qui si stabilisce che le Materie Prime Secondarie, in cui la composizione chimica prevale sulla forma del prodotto, sono da considerarsi come Miscele.
I prodotti della gamma Matrix ai fini del Regolamento REACH sono classificati come miscele e per questo hanno obblighi di Registrazione. Non solo: in quanto miscela di diversi componenti, nel 2010, al termine di una attenta disamina del Regolamento, quattro tra i principali componenti del Matrix, ovvero carbonato di calcio ed ossidi di ferro, alluminio e calcio sono risultati soggetti all’obbligo di Registrazione. Il procedimento burocratico ha avuto una durata superiore ai 2 anni ed è terminato il 30/11/2010 con l’invio dei dossier di registrazione delle quattro sostanze come definitiva, come dimostrano i numeri riepilogati nella tabella seguente.

Officina dell’Ambiente e le certificazioni ISO 14001 ed EMAS

Lo stabilimento di Officina dell’Ambiente è certificato e attestato, dal 01/02/2005, secondo la norma UNI EN ISO 14001 dal DNV GL, l’importante ente di certificazione internazionale per le attività di “trattamento e recupero di rifiuti speciali non pericolosi attraverso le fasi di pesature, scarico, stoccaggio e separazione fisico―meccanica”.
Nel 2006, il sito di Lomello ha conseguito la Registrazione EMAS (IT―000555) in accordo al Regolamento Europeo 761/2001/CE (oggi Reg. 2017/1505/UE). Il sito di Conselice ha invece ottenuto la certificazione UNI EN ISO 14001 nell’anno 2016 e la Registrazione EMAS nel corso del 2018.
La Registrazione EMAS, il più elevato livello di certificazione ambientale d’azienda riconosciuto in Europa, attesta il nostro impegno nella gestione accurata e sistematica degli aspetti ambientali e nella comunicazione ambientale verso l’esterno.
Per ottenerla, in Officina dell’Ambiente abbiamo sviluppato due sistemi di gestione ambientale indipendenti per entrambi gli stabilimenti, che sviluppano e applicano procedure e controlli ambientali. approfonditi e sistematici, per il monitoraggio di tutte le attività produttive, dei piani di monitoraggio ambientale locali condivisi e controllati dalle Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente.